Laura

Buongiorno a tutti,
mi chiamo Laura, ho 22 anni e da non più di un mese, dopo quasi un anno di analisi, esami e vari ricoveri, in svariati ospedali, per dei dolori alle ossa che stavano diventando troppo frequenti sono riusciti (finalmente!) a diagnosticarmi un linfoma NH a grandi cellule B diffuso, scheletrico.

Ora può sembrare assurdo, se non addirittura irrispettoso, affermare che ero quasi contenta della diagnosi che mi era stata fatta; ma dopo aver passato un anno a destra e a manca, dopo mille e mille prelievi, analisi, radiografie, risonanze, TAC, diagnosi non confermate e biopsie, poter chiamare finalmente per nome la mia malattia, è come se mi avesse già dato metà della forza necessaria per intraprendere una guarigione. Ero mentalmente e anche fisicamente stanca di essere analizzata pezzo per pezzo, senza che però mai nessuno giungesse alle conclusioni esatte e potesse avere una visione d’insieme equilibrata e definitiva.

Fatta la diagnosi però, come molti di voi sanno sicuramente meglio di me, bisognava decidere che tipo di cure intraprendere; e li un po’ il mondo, con il suo bel peso, mi è cascato addosso.

I protocolli italiani per il trattamento di questi tipi di tumori sono all’avanguardia, profetici e sentenziosi: chemio, rachicentesi, immunoterapia ecc. la sanità italiana offre l’esenzione, ogni centro ematologico è abbastanza preparato per questo tipo di cure; quindi non è che l’ospedale di “Valleverde” sia meglio di quello di “Pietramurata” o cose di questo tipo.
Poi ci sono i parenti che sanno tutto e che ti dicono che all’estero (sia quello vicino che quello lontano) sono più bravi, più indicati ecc. senza però tener conto delle grosse spese a cui uno andrebbe incontro (anche se per la salute uno non dovrebbe porsi dei limiti). Infine ci sono gli psicomaghi o i santoni che provano a convincerti di curarti con erbe aromatiche, digiuni e magari ancora salassi con le sanguisughe.
Ci tengo a sottolineare che la mia è pura ironia, e che in fondo una opinione veritiera e indiscussa non la si può mai fare a livello generale, ma ogni caso è specifico, unico e irrepetibile.
Nel caos mentale in cui navigavano i miei pensieri e li mie paure ho anche avuto modo di constatare quanto poco il paziente sia preso in considerazione prima di tutto come persona fatta di sentimenti, di emozioni e poi come malato.

Insomma, mi sono sentita un po’ abbandonata a me stessa. Ed è qui che un mio caro amico mi ha spedito per posta un link “ASSOCIAZIONE NUOVI TRAGUARDI” ma che bel nome! ho pensato; e non perdendo altro tempo prezioso sono subito andata a curiosare. Sono rimasta colpita molto positivamente dal sito e dall’associazione in generale; sia perché inizio a capire e scoprire ora l’importanza del confronto e della condivisione, sia per la professionalità e l’umanità con cui vengono elargiti servizi gratuiti (come nel mio casa una seconda opinione) per i pazienti; il tutto in una provincia dove manca un centro ematologico di cura.
Ci sono dottori e persone che credono che avere una seconda opinione possa solo creare più confusione e titubanza in un paziente, devo dire che non è stato affatto il mio caso, e che anzi, aver potuto usufruire della competenza, della professionalità ma sopratutto della pazienza e della disponibilità del Dottor Fabris mi hanno aiutato a credere ancora più fortemente che il tipo di cura scelta per il mio caso sia la cosa migliore da fare.

Ci tenevo anche a sottolineare al di la della medicina, del progresso e della tecnica l’umanità con cui si è interessato del mio caso spiegandomi con termini chiari e “popolari” cosa a cui andavo incontro. E per questo volevo ringraziare molto sia il Dottor Pianezze, il quale mi ha fissato subito un appuntamento, sia il Dottor Fabris stesso, che per un ora e mezza si è “preso cura di me” e ha esaurito ogni mio dubbio e curiosità con professionalità e simpatia.

Laura

Il nostro indirizzo

 

Associazione
“NUOVI TRAGUARDI”
Per la lotta contro le malattie del sangue O.N.L.U.S.
Via Zeneghe, 15 
Tisoi
32100 Belluno

Privacy Policy

Contattaci

 

t.         0437 29 40 63

 
Presidente: Graziano Pianezze
Vice Presidente: Liana Cavallet
 
Per informazioni sulle attività dell’associazione: Liana Cavallet
t..        333 333 40 34

Siamo qui

All rights reserved 2019 Associazione Nuovi Traguardi O.N.L.U.S