Festa de la ''Triol de la Mama Bela''

Dal 2005, anno dell’inaugurazione di uno splendido capitello (la triol) intitolato alla Madonna (la Mama Bela) realizzato a Vallada Agordina da una nostra associata, Liana Cavallet, si ripete annualmente verso metà luglio la festa de la triol de la Mama Bela.
Alla S. Messa segue una festa campestre con pranzo a base di grigliata mista. Tutte le donne del paese di Vallada contribuiscono alla buona riuscita della festa preparando antipasti e dolci semplicemente squisiti.
Nell’occasione ha luogo la vendita di felpe, k-way e magliette con l’ormai famosa scritta “A muso duro e gnanca ‘na piega”. Il tutto è accompagnato dalla deliziosa musica dal complesso G.N.P. il cui nome è, guarda caso, l’acronimo di Gnanca ‘na Piega . Il ricavato della manifestazione è devoluto a Nuovi Traguardi.

Luglio 2005 – La Triol (il Capitello)

Luglio 2005 – Durante l’inaugurazione

Luglio 2005 – La festa dopo la S. Messa

Luglio 2005 – Le giovanissime commesse

Festa della ”Triol de la Mama Bela e del Cristo Strac” 15°edizione

Il sole ha benedetto anche la XV edizione della festa della Triol, resa quest’anno ancora più “solare” dalle buone notizie giunte dall’Associazione Nuovi Traguardi: finalmente l’ULSS ha accettato la donazione di 100.000 € per implementare la diagnostica dell’Ospedale san Martino di Belluno e questa bella notizia ha ricaricato di entusiasmo il Team Triol! É importante, infatti, poter rendere conto di come vengano impiegati i soldi che, grazie alla generosa solidarietà di moltissime persone (oltre trecento quest’anno!), vengono raccolti in manifestazioni come questa che, ormai da quindici anni, è un appuntamento fisso nel luglio di Vallada. Con queste premesse eccellenti, il 14 luglio il team Triol ha offerto a  tutti coloro che hanno voluto essere presenti un programma ricco e per tutti i gusti; la mattinata si è aperta con la novità della ex tempore “Artisti in erba”: i bimbi, con la supervisione di Dunio, si sono cimentati nella creazione di cartoline che rappresentassero la Mama Bela così come se la immaginano loro. Il pranzo, poi, come al solito ricco di gustose portate, ha visto quest’anno la novità dell’abbandono delle stoviglie in plastica per un ritorno ecologico ai piatti di ceramica, ai bicchieri di plastica riutilizzabile e alle forchette di legno: un piccolo gesto che però sottolinea una presa di coscienza che il team Triol auspica si diffonda sempre di più.
Non c’è stato tempo per annoiarsi nel pomeriggio riempito dal torneo di briscola, dalla pesca asciutta, dalla musica meravigliosa di Nicole, dalla lotteria, dallo spettacolo della compagnia del Canton… Quest’anno i bambini hanno messo in scena nientepopodimeno che una novella di Giovanni Boccaccio, il Frate Cipolla che è diventato per l’occasione frate Camolin da Vedana; hanno poi coinvolto il pubblico con il balletto sulla musica di Ho visto un re di Jannacci… A chiudere la giornata, il grazie alla Mama Bela con il santo Rosario alla Triol.
Questa giornata serena di condivisione e di solidarietà reale e non virtuale ha fruttato 3300€ circa che il team Triol ha devoluto a Nuovi Traguardi con la convinzione che la collaborazione, la volontà di impegnarsi e la gratitudine per quanto la vita ci offre siano un mix che gratifica e che fa sorridere il cuore!

Un bimbo alle prese con il disegno per l'ex tempore.
Addio alla plastica da parte del Team Triol!
La pesca "asciutta" per i più piccoli.
La nostra vicepresidente Liana presenta lo spettacolo
I piccoli grandi attori della commedia
Il numeroso pubblico che ha ssistito alla rappresentazione

  Festa della ”Triol de la Mama Bela e del Cristo Strac” 14°edizione

“E LE PROPIO MEIO CHE SE GODONE ‘STO PARADISO VARDANDOSE TEI OCI CON BEL SORRISO……BASTA MUSI LONGHI E CATIVERIE, ALMANCOL ADESO CHE SION IN FERIE!!“

Così si conclude la commedia che i nostri ragazzi hanno presentato domenica 15 luglio in occasione della XIV edizione della festa della “Triol dela Mama Bela e del Cristo Strac” a Celat di Vallada Agordina. É proprio questo il messaggio che anche quest’anno abbiamo voluto sottolineare con il nostro ritrovarci principalmente per rendere grazie del fatto di esserci e poi per trascorrere insieme qualche ora serena all’insegna della solidarietà. Il tutto è iniziato con la colazione dei lavoranti sotto un cielo piuttosto imbronciato; l’energia e la solarità del Triol Team hanno però convinto anche il cielo a sorridere! Così, con questo sorriso, la giornata si è srotolata allegra e spensierata con il lauto pranzo preparato con generosità e professionalità dalla squadra della griglia; non poteva mancare la musica, quest’anno dei Tirataie a ranghi ridotti, ma sufficienti; la pesca asciutta e vari giochi hanno allietato i più piccoli, mentre invece il torneo di briscola ha tenuto impegnati i grandi; la lotteria è stata l’occasione per sfidare la fortuna e la commedia “Il viaggio di Dante: un’avventura infernale” messa in scena dai nostri bimbi in crescita ha dato modo a tutti di sorridere e riflettere; infine il momento dedicato al Santo Rosario si è rivelato come sempre un’occasione speciale: ognuno di noi, in cuor suo e insieme agli altri, ha potuto affidarsi con gratitudine alla Mama Bela, circondando in un unico abbraccio i presenti e tutti quelli che sono altrove. Una lacrima e un sorriso, una preghiera e un ringraziamento con lo sguardo al Cielo e le mani aperte verso tutti i nostri compagni di cammino…
Quest’anno, la generosità di tutti i presenti ha reso possibile devolvere 1400 euro all’Associazione “Nuovi Traguardi per la lotta contro le malattie del sangue” di Belluno e altrettanti all’Associazione “Il Pettirosso Agordino”.

Il “Triol Team” al gran completo, in divisa.

La presentazione dei piccoli attori.

Alcuni piccoli attori all’opera.

La famiglia di Carlo e Liana al completo davanti alla Triol.

Festa della ”Triol de la Mama Bela e del Cristo Strac” Domenica 16 de luio de 2017

Non è più una novità: ogni anno il sole e una splendida cornice di persone accomunate dal desiderio di condivisione impreziosiscono la festa della Triol dela Mama Bela e del Cristo Strac di Celat di Vallada Agordina, quest’anno giunta alla tredicesima edizione. Anche lo scopo della festa e il modo in cui si svolge tra mille intrattenimenti non sono più una novità: ci si trova principalmente per trascorrere insieme una giornata all’insegna della serenità, della gratitudine e della solidarietà, ci si ritrova per dire grazie alla Vita anche quando ci mette davanti le nostre fragilità, anche quando ci bastona anche quando non ci riesce così facile trovare il bandolo della matassa intricata del nostro quotidiano…
Ogni anno, però, questo momento per noi speciale riesce ad arricchirsi di nuove sfumature. Stavolta, oltre al pranzo luculliano, alla pesca asciutta, al torneo di briscola, alla lotteria, alla commedia dei Boce del Canton e all’immancabile preghiera del santo Rosario, la novità apprezzatissima e preziosa è stata la presenza del coro Voci in Valle che ha riempito di bellezza l’assolato pomeriggio. I brani proposti dal gruppo hanno saputo catturare l’attenzione del pubblico e costruire ponti di comunicazione nello spazio e nel tempo come solo la buona musica riesce a fare…
Abbiamo percepito la prossimità di tutti quegli amici che ora sono in un’altra dimensione e ci siamo sentiti fra di noi più vicini: è la magia della solidarietà che affina la nostra umanità.
€. 2700  è quanto abbiamo raccolto nel corso della giornata e questi soldi sono destinati a sostenere i progetti dell’”Associazione Nuovi Traguardi per la lotta contro le malattie del sangue” che non ha bisogno di ulteriori presentazioni e quelli dell’Associazione “Il sorriso di Luigi”: Quest’ultima associazione è nata dalla volontà di Damiana Luchetta e Renato De Col di onorare in questo modo la memoria del loro figlio Luigi; l’associazione si occupa di aiutare ragazzi in difficoltà economiche a completare gli studi. Damiana era tra il pubblico che ha potuto apprezzare i canti del coro Voci in Valle.
“Era” perché il suo destino l’ha portata solo una settimana dopo a reincontrare il suo amato figlio Luigi. Vogliamo credere che il suo sorriso ora brilli ancora di più assieme al sorriso di Luigi e assieme ai sorrisi di tutti i giovani che riusciranno a raggiungere.
Come sempre lasciamo il commento dell’evento alla magistrale penna di Liana Cavallet, nostra vicepresidente ed organizzatrice dell’evento, che per l’occasione ha scritto la seguente bellissima poesia.

“IL CANTO CI UNISCE” l’era scrit sul cartel
sul palco dela Rassegna che ogni an se fea a Mel.
E anca encoi qua tel nostro Canton de Zelat
la musica la ne daida a regordà chel che l’è stat:
sodisfazion e robe bele che ne ha capità,
ma anca tristeze e robe burte che la vita la ne ha regalà…

 Se sent en cin manco el magon
co se canta insieme la stesa canzon,
e se inveze el cor l’è content
l’è bel ghel podè cantà ai quatro vent…

 L’è bel se catà insieme par se dì grazie col cor,
l’è bel se parlà, se scoltà, ride e piande co ocor,
l’é bel par ‘na olta del reloio se desmentegà,
e, senza pressa, dal Sol se fa scaldà…

 Alora grazie a tuti quanti voi
che avè deciso de ve fermà qua encoi:
l’è proprio chesta la magia dela festa:
ese qua in tanti, ognun col so cor e la so testa,
ognun co la so valisa de emozion
ognun coi so sorisi, le so lagreme e, parché no, con qualche sacranon!

Grazie grazie grazie a tuti col cor spalancà:
grazie par chel che fè e par ese qua!

 

Come sempre, anche stavolta è una splendida giornata di sole!

Come sempre, la giornata è allietata da una buona musica!

La novità di questa edizione: l’esibizione del coro “Voci in valle”

Liana, Carlo, Margherita, Erica, Iris e Jacopo davanti alla Triol

Dodicesima edizione della Festa de la Triol

Anche quest’anno, il giorno 17 luglio, una magnifica giornata di sole ha visto la celebrazione della dodicesima edizione della Festa de la Triol de la Mama Bela. Era presente ancora più gente del solito e la giornata è stata come sempre ricca di eventi per grandi e piccini: dalla colazione al pranzo, dalla gara di briscola alla lotteria, dalla “pesca asciutta” alle danze e, per finire, al Sacro Rosario.
Come di solito lasciamo il commento dell’evento alla magistrale penna di Liana Cavallet, nostra vicepresidente ed organizzatrice dell’evento, che per l’occasione ha scritto la seguente bellissima poesia.

 Se ten ‘sti dì se inpiza la television,
ne ven ados ‘na gran desperazion:
se vede dent che par strada mor,
tanta rabia dapartut che la scuerde l’amor;
se vede dent che roba e che fa gran asenade
e porediaoi che ciapa solche sacagnade…
e ne venirie voia de ciapà su e dì a vive su Marte!

Se vede dapartut bruti arte
Eco alora che con pì convinzion
anca ‘sto an tuti insieme se caton
t’en ‘sta giornada piena de sol
che a sugà le meserie proprio el ghe vol!
Se caton par magnà e beve in compagnia,
se caton par ghe dì grazie a Chel colasù
par ride, cantà e sta in alegria;
chel se pense semper de vardà dù.

Qua el ghen ha par tuti i gusti:
ghen è i sbagliadi e ghen è i iusti
ghen é femene e omi, neodi e noni
gnas, saiok, trevisani e teroni…
Ognun de noi l’ha el so bon e ‘l so trist
de tute le sort ghen avon vist
e par questo avon imparà
che par sta in pie ocore se daidà!

E alora godonse ‘ste ore de festa
Musica, balletti, comedie e lotteria
e descargon dai pensier en cin la testa!
spettacoli de bolle e anca de magia…
I atori de ‘na olta adeso i è maturi e laureati,
*i picioi de adeso i è pronti e scatenati
par continuà ‘sta bela tradizion
che ogni an la colora sto Canton!!!

Con la manifestazione sono state raccolte offerte per circa €. 2750, interamente devoluti a Nuovi Traguardi.
Come sempre grazie alla famiglia di Liana, a tutti i volontari che hanno duramente lavorato e ai numerosi partecipanti che hanno reso possibile la buona riuscita della dodicesima Festa de la Triol!

Mercatino dell’artigianato dei bimbi, calendari di Bruno Bressan e biglietti augurali di Dunio

La “Pesca asciutta”: uno dei giochi per i bimbi gettonatissimo!

Ragazze più o meno alte (ma tutte grandi!) impegnate nel balletto-spettacolo

Liana con tutta la famiglia al gran completo

Undicesima edizione della Festa de la Triol

Anche quest’anno, il giorno 12 luglio, una magnifica giornata di sole ha visto la celebrazione dell’undicesima edizione della Festa de la Triol de la Mama Bela.
Era presente ancor più gente del solito e la giornata è stata come sempre ricca di eventi per grandi e piccini: dalla colazione al pranzo, dalla gara di briscola alla lotteria, dal cruciverbone alle danze e, per finire, al Sacro Rosario.
Lasciamo il commento dell’evento alla magistrale penna di Liana Cavallet, nostra vicepresidente ed organizzatrice dell’evento, che per l’occasione ha scritto la seguente bellissima poesia.

TRIOL 2015 – 12 luglio 2015

L’era el 16 de luio de dies ani fa
cande che a fa sta sagra avon scomenzià…
L’è na festa nasuda par ghe dì en grazie grant
ala Mama Bela che la ne daida a dì en davant…
L’è ‘na festa nasuda par sta tut en dì en compagnia
senza pensieri e con tanta alegria.

L’è na festa che fon par beneficenza
parchè del volontariato no se pol sta senza:
chel che se incassa a Nuovi Traguardi ghel devolvon
parchè a fa del ben la pose continuà sta asociazion…
Sta festa no la è privata ma de tuti quanti
e, vardonse qua, son davero in tanti!

Dal 2005 tante robe lè è sucese ten sto canton
bele e brute, da sorrisi e da magon…
Nonostante tut, ogni an se avon catà qua
co ‘na lagrema, ‘na sbacanada e ‘na sfadigada da fa
parchè, se ‘na roba la avon imparada,
l’è che l’ocasion par sta insieme no la va mai sprecada!

Insieme se sta in pìe e se se da ‘na man
insieme senza paura se pensa al doman…
Insieme se se daida e se se sent pien de forza
insieme se se fa pì dura la scorza!
Insieme se ride pì olentiera,
insieme se fa ciaro anca cande che vien sera!

L’è bel pensà che la nostra Mama Bela
la ne varde tuti da lasù come ‘na stela!
La varda i saiok e la varda i gnas,
la varda chi che ciacolea e chi che tas,
la varda chi che pensa e chi che fa,
la varda chi che parte e chi che resta qua…

E alora godonse col cor lidiero sto dì de sol:
l’è chel che anca Ela da Lasù la vol!

 

Con la manifestazione sono state raccolte offerte per circa 2100 Euro, interamente devoluti a Nuovi Traguardi.
Grazie quindi alla famiglia di Liana, a tutti i volontari che hanno duramente lavorato e ai numerosi partecipanti che hanno reso possibile la buona riuscita dell’undicesima Festa de la Triol!

Durante il succulento pranzo

Il balletto di alcune ragazze del canton

 

L’albero del Canton

I boce del Canton

Festa de la Triol 2013 (9° edizione)

Anche quest’anno uno splendido sole ha illuminato Celat di Vallada Agordina in occasione della festa della Triol dela Mama Bela. Sono ormai nove le edizioni di questa sagra molto particolare, nata per non dimenticare quanto il senso di comunità e la vicinanza della Madonna alla nostra fragile umanità possono fare nelle nostre vite.
La giornata, come al solito, è iniziata la mattina con la colazione-party per tutti coloro che danno una mano; poi il pranzo al quale quest’anno hanno partecipato più di 150 persone. Il pomeriggio è stato riempito da intrattenimenti vari, fra i quali spicca senza ombra di dubbio la ormai attesissima commedia messa in scena dalla Compagnia dei Boce del Canton. Titolo della farsa quest’anno era “AAA cercasi aiutante barista per il Bar al gatto”. Gli attori non hanno deluso le aspettative del numeroso pubblico cui hanno regalato un’ora di spensieratezza e di divertimento con le vicende delle due padrone del bar Berta e Filomena (della quale quest’anno si è celebrato il matrimonio…) attorniate dagli abituali avventori (Gino il tuttofare e sua figlia Marietina, Toni il cacciatore, don Evaristo, «siora» Rosalba la moglie del sindaco e la sua eccentrica amica Stella) cui quest’anno si sono aggiunte delle stravaganti aspiranti bariste… La domanda che tutti si pongono è: cosa accadrà il prossimo anno? Inutile dire che per saziare questa curiosità, l’unica cosa da fare è venire alla nostra super festa e lasciarsi coinvolgere dall’esuberanza di questo gruppo di “giovani dalle belle speranze”!
Dopo la commedia e la merenda collettiva, è venuto il momento, sempre molto intenso, del Santo Rosario alla Triol recitato come d’abitudine dai bambini. Durante la preghiera, il pensiero commosso è andato a chi non è più tra di noi, in modo particolare alla nostra Debora; guardando però il piccolo cirmolo che a sua memoria abbiamo piantato lo scorso anno abbiamo percepito la sua presenza nei ricordi e nell’immutato affetto che a lei ci lega. Ci sembra meraviglioso che in una giornata così speciale per noi ci sia lo spazio per il sorriso e per le lacrime, per la spensieratezza e per la riflessione, per la parola e per l’ascolto… Forse è proprio questo il senso di essere comunità solidale e aperta.
Il ricavato della festa €.1627,37 è stato come al solito devoluto all’Ass. Nuovi Traguardi.

Una scena di danza nel corso della commedia di quest’anno

Il numeroso ed attentissimo pubblico

La recita del Santo Rosario davanti alla Triol

 

Festa de la Triol 2012

Alla mattina, un cielo plumbeo ha accolto il risveglio della famiglia del “Canton” di Vallada, ma non ha spaventato nessuno… Cosa si fa? Non ci sono dubbi: si fa tutto come previsto!
Con questo spirito, lo spirito che ormai da otto anni tiene unito questo gruppo di Amici, questa famiglia allargata, si è iniziata la giornata con un momento di intensa commozione: accanto alla triol, infatti, quest’anno la festa è iniziata col pensiero rivolto a Debora che l’incomprensibile tragicità del destino ci ha portato via a dicembre dello scorso anno. Debora era una delle colonne portanti della nostra famiglia del “Canton” e piantando un piccolo, profumato cirmolo ci è sembrato di riempire almeno un poco il vuoto che ha lasciato nei nostri cuori… Subito dopo il cielo si è progressivamente e incredibilmente rasserenato e, se in tutta la provincia pioveva, a Celat di Vallada Agordina il 15 luglio è stato un giorno sereno e soleggiato!
Così la festa è stata davvero piena: il lauto pranzo con tanto di antipasti e dolci per circa duecento persone, la musica rock dal vivo con i bravissimi Soda fresh kin, la spassosissima commedia dei “Boce del Canton” dal titolo “Il Bar Al Gatto chiude! Chiude il Bar Al Gatto?” e, per concludere, il Santo Rosario! La voglia di stare insieme con semplicità, la generosità delle persone presenti, la serenità che si respirava hanno fatto il resto rendendo anche la festa di quest’anno speciale!
Il ricavato della festa, quest’anno €. 1385,01, è stato come al solito devoluto all’Associazione Nuovi Traguardi.

I mitici attori di Celat

Un momento della fwsta alla casa del Canton,con i Soda fresh kin all’opera

Festa de la Triol 2011

Anche quest’anno, proprio il giorno dell’anniversario, gli Amici del Sorriso hanno organizzato una festa molto ben riuscita, che ha visto la partecipazione di numerosi fans provenienti anche da paesi distanti. Innumerevoli le prelibatezze offerte al pubblico, preparate alla griglia dai volontari e a casa dalle donne di Celat; particolarmente apprezzati i caratteristici dolci locali con il papavero (Carfogn). Dopo il lauto pranzo, ragazzi e bambini di Celat hanno allietato il pomeriggio con una spassosa commedia recitata in dialetto locale, dal titolo “En funeral e na lotteria al bar al Gatto”. Come da tradizione il ricavato della manifestazione sarà devoluto alla nostra Associazione. Tantissime felicitazione alla nostra socia Liana che quest’anno si è fatta vedere pochissimo alla festa per “motivi di servizio”. Infatti è appena diventata mamma per la terza volta. Il 28 giugno è infatti nata una splendida bambina di nome Iris!

Un momento della festa

Una scena della commendia

Festa de la Triol 2010

€. 1700 a «Nuovi Traguardi»

Vallada.
La solidarietà della festa de “La Triól de la Mama Bèla” a sostegno di Nuovi Traguardi.

Quasi 1.700 euro sono stati infatti raccolti a favore dell’associazione bellunese impegnata nella lotta alle malattie del sangue in occasione dell’ormai tradizionale festa svoltasi a Celat di Vallada e promossa dagli “Amici del Sorriso”. Liana Cavallet e tutti i suoi validi collaboratori hanno messo in piedi un pomeriggio davvero ricco di eventi che ha soddisfatto sia i grandi che i piccini. Dopo il pranzo, i bambini del “Cantón” hanno offerto una splendida performance teatrale nella commedia “Una giornata al bar Al Gatto”, mentre il gruppo “GNP Revival” ha garantito un momento di buona musica. A seguire la recita del Rosario davanti al capitello, inaugurato il 16 luglio 2005, che contiene una statua della Madonna col bambino di Fausto Ganz ed è impreziosito da affreschi di Dunio. «Il nostro grazie», dicono gli Amici del Sorriso, «va a tutti coloro che hanno contribuito a rendere bella e speciale la festa che quest’anno ha compiuto cinque anni. In particolare grazie a Toni Faè e Paolo Costa che ogni anno offrono il pastim, grazie alla Pro Loco, agli alpini, al comitato della sagra di San Rocco, di Sachet, di Andrich e Toffol, alla cooperativa “el Ganbaretol”, a Fabiana. Grazie ai cuochi e alle cuoche, ai camerieri e alle cameriere, ai baristi, ai ragazzi e bambini attori della “Compagnia del Cantón” e ai “GNP Revival” che hanno allietato il pomeriggio; e grazie a tutti coloro che non sono stati citati, ma che sono ugualmente indispensabili perché la festa sia davvero di tutti.

Durante il pranzo

Un momento della…giornata al bar del Gatto